Traversata San Giuseppe – Campo Moro

Dati tecnici

Tipologia: All mountain

Ciclabilità: 97%

Lunghezza complessiva: 15 km

Dislivello: 1015 m

Quota di partenza: 1416 m

Quota massima raggiunta: 2170 m

Punto di partenza: Loc. San Giuseppe (1.416 m)

Punto di arrivo: Loc. Campo Moro (1.993 m)

Difficoltà: l’impegno fisico richiesto e quello tecnico sono medio -alti, sia perché la salita contiene sezioni ripide su fondo sterrato, che per la presenza di alcuni brevi tratti da percorrere su mulattiere sconnesse, che richiedono una certa padronanza tecnica per essere superati integralmente in sella, o a spinta.

Tempo di percorrenza: 4 h

 

 

s giuseppe - campo moro altimetria

 

Descrizione Itinerario

Come raggiungere il punto di partenza: da Chiesa in Valmalenco seguire le indicazioni per San Giuseppe, ove sono disponibili vari parcheggi, punti acqua e bar/ristori. In alternativa, da Chiesa in Valmalenco prendere la funivia sino all’Alpe Palù e procedere seguendo le indicazioni a seguito riportate (dal km 7)

Dalla strada per Chiareggio, provenendo da Chiesa, svoltare a destra, in salita su asfalto, seguendo le indicazioni per la Seggiovia al Palù. Dopo circa un chilometro si raggiunge il piazzale di partenza della seggiovia, ove ci si mantiene sulla sinistra, per imboccare la strada asfaltata che sale verso il lago Palù/loc. Barchi. Si prosegue sulla carrareccia principale per un altro chilometro, ignorando deviazioni secondarie che si dipartono sulla sinistra, fino a raggiungere alla quota 1.740 la loc. Barchi (ristori presenti). Qui la strada diventa impegnativa e il fondo sterrato, tanto da richiedere un ottimo allenamento per non scendere mai di sella. Risalendo le piste, si raggiunge un bivio, ove si seguono le indicazioni per il Rifugio Palù (km 3 circa). Si raggiunge quindi la splendida conca del lago Palù (1.935 m, circa 5 Km e 400 m di dislivello dalla partenza), ove si devia a destra, pedalando proprio sulla riva. Proseguire lungo la strada, mantenendosi a destra nei pressi della partenza della seggiovia, e poi decisamente a sinistra, raggiunto il piazzale ove sorgono bar, ristoranti ed altre strutture di servizio degli impianti di risalita (7 km circa). La strada sterrata prosegue in salita con qualche rampa impegnativa intervallata da tratti più pianeggianti, risalendo le piste da sci; dopo circa 1 km e mezzo si raggiungere il punto più elevato della traversata, ossia il Passo di Campolungo (2.170 m circa). Si prosegue ancora qualche metro, sino a deviare presso un bivio, imboccando la strada che scende sulla sinistra, sempre lungo le piste. Poco a valle della partenza di una seggiovia si devia, abbandonando la carrareccia, a sinistra, e imboccando una bella mulattiera dalle lievi pendenze, che si inoltra nel bosco inizialmente in salita. Il bel sentiero con fondo roccioso è in qualche sezione particolarmente insidioso, così da richiedere una buona tecnica di guida per essere percorso integralmente in sella. Nei pressi della splendida piana su cui sorge l’alpeggio di Campascio (1.850 m), si svolta a destra, per imboccare poco oltre un ponticello pedonale che attraversa il torrente Scerscen. Si prosegue prima su bel trail, poi attraverso tracce nel prato segnate con bandierine bianche e rosse. Si supera a spinta una breve sezione ripida su fondo sconnesso, che si ricollega in breve a una strada sterrata, ben pedalabile, che va imboccata a sinistra, in salita, ignorando la deviazione per Campo Moro che scende. Si passa attraverso la Diga, per risalire brevemente sino a portarsi nei pressi del rifugio Zoia (loc. Campo Moro,  acqua disponibile).

 

 

Bike Hotel e rifugi in zona